Agricoltura 2.0, la Regione accelera sulla ricerca

Nuove tecniche di irrigazione per preservare una risorsa sempre più preziosa; agricoltura conservativa per contrastare l’erosionedei terreni appenninici e lotta alle malattie delle piante con sistemi a basso impatto ambientale; riduzione dell’antibiotico-resistenza negli animali da allevamento; sviluppo di nuove varietà di frutta, ortaggi e viti più  resistenti al cambiamento climatico; miglioramento della biodiversità e recupero di varietà antiche di frumento. Ma anche nuove modalità di lavorazione dei terreni per  ridurre la dispersione di anidride carbonica nell’aria,contrastando l’effetto serra e – allo stesso tempo – migliorando il contenuto di carbonio e dunque la fertilità del suolo.

La Regione accelera sulla ricerca in agricoltura e lo fa finanziando con 12 milioni di euro 52  Gruppi operativi per l’innovazione (Goi), le inedite  alleanze tra mondo agricolo e mondo della ricerca che rappresentano una delle novità principali della Programmazione comunitaria 2014-2020. Con un obiettivo: aziende agricole più competitive sui mercati, ma anche più sostenibili  ed efficienti nella gestione delle risorse naturali.

I 52 partenariati  – ora al nastro di partenza – lavoreranno su altrettanti Piani di innovazione nei  seguenti settori: sviluppo competitivo delle aziende agricole; gestione delle risorse idriche, dei fertilizzanti e dei pesticidi; qualità dei suoli e contrasto all’erosione;  riduzione del consumo di acqua in agricoltura.
Progetti di innovazione (v. tutti i progetti) dunque con ricadute immediatamente operative, la cui durata non potrà superare i 36 mesi  e  i cui risultati confluiranno e saranno diffusi attraverso  la Rete del Partenariato europeo per l’innovazione (Pei).

Complessivamente i 52 Goi aggregano circa 400 soggetti tra università ed enti di ricerca, aziende agricole e agroalimentari, enti di formazione e di consulenza. Una rete diffusa sul territorio che comprende, in particolare,  tutte le Università dell’Emilia-Romagna e la Cattolica del Sacro Cuore sede di Piacenza,  i centri di ricerca Crpv  (Cesena ) e Crpa (Reggio Emilia), il Consorzio di bonifica del canale Emilia-Romagnolo (Bologna), l’azienda agraria sperimentale Stuard (Parma), l’Istituto zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia-Romagna, ma anche aziende private.

Considerando anche il cofinanziamento privato i 52 progetti movimenteranno investimenti per 14,5 milioni di euro.
Ma altre risorse pubbliche sono in arrivo entro la fine del 2016: si tratta di 16 milioni di euro che finanzieranno nuovi bandi per la ricerca in agricoltura tra ottobre e dicembre.  Complessivamente le risorse  a disposizione per finanziare i Goi,  entro il 2020, ammontano a 50 milioni. I 52 progetti sono stati selezionati da una commissione scientifica indipendente, coordinata dall’Accademia nazionale di agricoltura di Bologna.

regione.emilia-romagna.it

Potrebbero interessarti anche...